logo

Prestito con delega

Il Prestito con Delega

La Delega è il passo successivo alla Cessione del Quinto. I soldi della Cessione non bastano più? In aggiunta alla cessione già esistente, è ottenibile a discrezione del datore di lavoro: generalmente  essa viene concessa grazie ad una convenzione tra Finanziaria ed Amministrazione.
Il Prestito con Delega di Pagamento è quindi un finanziamento che permette di alzare il limite imposto dalla Cessione del Quinto dello Stipendio, consentendo di ottenere prestiti più consistenti. È una tipologia di finanziamento, che si colloca nell’ambito del credito al consumo e deve il suo nome alla modalità di rimborso del prestito. Infatti, il debitore delega il proprio datore di lavoro a rimborsare il finanziamento ottenuto trattenendo dal proprio stipendio una quota fissa per una durata stabilita nel contratto di prestito. Si tratta di un secondo finanziamento, studiato appositamente per permettere l’addebito di una rata superiore al quinto dello stipendio, già impegnato dalla cessione. Si può arrivare così fino ad una quota per un massimo di due quinti, ovvero il 40% dello stipendio netto.  E’ un finanziamento personale non finalizzato. Viene erogato con un tasso di interesse fisso, rimborso a rate costanti fino a 120 mesi. La rata comprende tutti i costi accessori, i costi assicurativi per rischio vita ed impiego, la quota capitale e la quota interessi. In quanto prestito non finalizzato l’importo ricevuto può essere utilizzato per qualsiasi motivo senza alcun giustificativo di spesa ne finalità richiesta da parte dell’ente erogatore. In pratica è una forma di prestito adatta ad ottenere liquidità per ogni tipo di acquisto: auto, ristrutturazione, matrimonio, viaggi, benessere e salute e altre necessità. Anzi, combinato con la Cessione del quinto dello stipendio permette di ottenere un finanziamento per acquisti importanti in assoluta tranquillità e sicurezza ed ad un prezzo estremamente competitivo.

Spetta al datore di lavoro rimborsare periodicamente l’importo della rata, trattenendola sulla busta paga del dipendente, che ha utilizzato questa forma di prestito per finanziare i suoi acquisti.

La delegazione di pagamento è un prestito personale, destinato ai lavoratori dipendenti, con modalità di rimborso rateale attraverso trattenute mensili di quote dello stipendio che il datore di lavoro provvede a versare all’intermediario delegatario in forza del mandato irrevocabile conferito dal delegante ai sensi e per gli effetti previsti dagli artt.1269 e 1723, 2° comma c.c.

La delegazione di pagamento, per avere efficacia, deve essere accettata per iscritto dal datore di lavoro.

Il prestito personale contro delegazione di pagamento, assimilato alla cessione del quinto dello stipendio, prevede l’attivazione di polizze assicurative a garanzia del debito contratto, a copertura del rischio vita e del rischio impiego e per l’intera durata del piano di ammortamento del finanziamento.

Come detto è una forma di finanziamento simile alla cessione del quinto per caratteristiche, requisiti del richiedente e modalità di rimborso che può essere affiancata alla cessione del quinto per ottenere importi maggiori, fino ad un massimo dei due quinti dello stipendio.